Alessandro Tandura: il primo paracadutista italiano

di Gino Zangrando – 

Quando si parla degli aerei nella prima guerra mondiale tutti pensano ai leggendari aviatori come il Braone Rosso, ma non ai paracadutisti, nonostante che da un lancio nasca una storia quasi mitica: quella di Alessandro Tandura da Vittorio Veneto (TV).

L’avventura di Tandura potrebbe benissimo essere la trama di un film: l’eroe viene paracadutato dietro le linee nemiche dove la sua città natale è occupata. La missione è dare informazioni sulla situazione degli occupanti usando i piccioni viaggiatori.

Lui eseguirà anche atti di sabotaggio dietro le linee. Ad aiutarlo vi sono commilitoni fuggiaschi, sua sorella, la sua ragazza, i genitori e perfino chi si ritrova a vestire controvoglia l’uniforme nemica. Dopo tre mesi di avventure “arrivano i nostri” e l’eroe partecipa agli ultimi combattimenti, seppur debilitato dai postumi di dure condizioni di prigionia e dalla fuga da un treno che doveva portarlo ad un campo di lavori forzati a migliaia di chilometri di distanza. Alla fine, i suoi colleghi e il comandante dall’altra parte del fronte lo accolgono stupiti: secondo le loro informazioni era già morto.

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |