Due illusioni di solitudine

di Anna Scagliarini –

Solitudine soleggiata, paesaggio disabitato dai colori caldi. Architettura vuota, aulicamente severa. Qui domina un silenzio color ocra e fa molto caldo. Il sole ha cotto muri e pietre, sulla terra si proiettano le ombre pesanti di oggetti grandi. Ombre ipnotiche. Trascinano giù e giù lentamente verso un baratro di semi-veglia, un torpore caldissimo e pesantissimo, che potrebbe essere un delizioso nulla. E tirano giù ancora, queste ombre, impercettibilmente, un gradino lieve alla volta, (uno per volta che neanche si fa in tempo ad accorgersene), verso il sonno. O verso la morte, chi dei due, sonno o morte, chi lo sa e chisseneimporta, in fondo bene così.

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 5 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |