La luna eterna di Nietzsche

di Luca Mauceri –

Ogni mente acuta nutre un sospetto: che la spiegazione materialistica di un evento sia una riduzione fatta con le categorie aride di una mente buona a far di conto ma non a comprendere le cose nel loro spettro completo. Che siano spiegazioni di chi ragiona e non di chi pensa e che il mondo, come una donna di un certo livello, si conceda a chi lo comprenda nel profondo, in ciò che non si vede ma c’è.L’eterno ritorno dell’uguale è da sempre uno dei concetti più misteriosi e indecifrabili a chiunque abbia modo di avvicinarvisi. Stupisce dunque la freddezza e la semplicità con cui lo si ritrae: il risultato di una conclusione logica che afferma che, essendo il tempo infinito e le cose finite, le loro combinazioni saranno infinite. Solo questione di tempo e in un momento futuro io sarò esattamente qui a scrivere di queste cose nello stesso mondo che mi appare ora.

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 7 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |