Nel labirinto di Weimar

di Francesco Zanolla –

Quando nel 1932 Carl Schmitt dà alle stampe Legalità e legittimità (Legalität und Legitimität) la breve parabola della Repubblica di Weimar è ormai prossima al suo rovinoso termine.
In essa si sono manifestate le dinamiche che caratterizzano l’instaurazione di istituzioni democratiche in contesti segnati da forte instabilità sociale ed economica e da una cultura politica liberale ancora poco diffusa e interiorizzata in larghi strati della popolazione, come appunto nella Germania uscita sconfitta dalla Grande Guerra.
Avversata da destra e da sinistra da consistenti movimenti sociali e politici e investita dal cataclisma economico della Grande Crisi del 1929, la repubblica di Weimar costituisce un esempio quasi unico di regime democratico che si “autodissolve”, consentendo di fatto al Partito Nazionalsocialista di prendere il potere legalmente e di smantellarne le strutture dall’interno, rappresentando quello che nell’ambito delle scienze storico-sociali e politiche può essere definito un vero e proprio caso da manuale.

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 9 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |