Poesie

  • Digressioni
  • 11/10/2018

di Gian Pietro Barbieri – 

La notte ha seminato la brina
per far rinascere la luce nelle cose e nelle case buie
e l’orgoglio delle stoppie, i carati negli stagni
negli acumi dei roveti –
coprendomi con una piccola coperta sgualcita,
semino ogni sera anch’io nel solco della tenebra
poche parole luminose allentando la stretta della mano;
sogno di non sorgere mai più, ma di continuare
a seminare addentrandomi nell’infinito buio
a cavallo di una cometa di luce infinita
a cavallo di una matita che disegna
un’alba ed un fiume anche quando
la luce è finita.

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 8 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |