Poesie

di Carlo Selan –

Ancora e camminare nei fiori,
dalle mani ai fili ruvidi dell’erba
e stare a guardarsi stare e ridersi
di ritornare, dove hai lasciato i passi
e dove hai ricordato il paese che era lì,
dove erano stesi loro a parlarsi
vestiti di una domenica non si era detto
domani e partire presto, con i piedi di scarpe
e gli occhi nel sole e il sole nei palmi con voi
e la memoria di oggi, se ci siamo guardati
trovarsi, tra la sporta e un figlio e una vita,
a vivere tra gli uomini in silenzio

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 9 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |