La trama della vita

di Gian Pietro Barbieri –

La separazione, la cesura tra scienze naturali, fisiche e speculazioni filosofiche, umanistiche, tra fisica e metafisica è sempre più sottile, tanto sottile che si intravede in modo ancora opaco ma indiscutibile l’altra metà, segregata fino a qualche decennio fa in un suo spazio. La scienza ha sempre più bisogno della poesia per descrivere, per accompagnare i fenomeni naturali, le dinamiche che soggiacciono ai cicli della materia, del cosmo, dell’infinitamente piccolo; la poesia, la filosofia sono coinvolte sempre più dalle scoperte scientifiche, dagli scenari sempre nuovi che si aprono quotidianamente dato che «naturalmente li omeni desiderano sapere», come ha scritto Leonardo da Vinci.