Notti, sogni e specchi

di Francesco Zanolla –

Eyes Wide Shut (1999) è un film diviso in due. Con una prima parte, dal folgorante attacco sulla silhouette nuda di Nicole Kidman al ritorno a casa di Tom Cruise dopo la sua odissea sessuale notturna, all’altezza della leggenda di Stanley Kubrick: una summa delle sue ossessioni visive e tematiche e della sua idea di cinema che veicola una visione dell’uomo, del mondo e del suo (non) senso attraverso il fluire intrecciato, complesso e accuratissimo di immagini e suoni. Poi è come se il film si azzerasse e ripartisse.