Se una notte d’autunno un barile d’acquavite

di Alvise Reiner – 

Quando nell’inverno del 1787 Giuseppe II intraprese un’ambiziosa campagna militare contro i turchi del Banato, mai si sarebbe aspettato di vedere i propri progetti d’espansione infranti a causa di un barile d’acquavite. D’altro canto, l’imperatore «era noto e stimato per le sue vedute umanitarie, ma nessuno riusciva a vedere quale contributo potesse mai dare sul campo di battaglia. […] Quindi erano in parecchi, fin dall’inizio della campagna, a prevederne un’infausta conclusione. E gli eventi futuri avrebbero dato loro ragione».