Tempo presente

di Annarosa Maria Tonin –

Non c’è il sole del mattino a incendiare di rosso la casa; eppure, l’incendio sta per divampare lo stesso. Nel tempo di una sera.
Stanco, quasi stramazzato, appoggia sulla poltrona all’ingresso la cartella con i bozzetti. Staranno lì, non ha voglia di riordinarli. Il suo tempo presente, il suo qui e ora ha voglia di altro, di fantasie silenziose, di un desiderio da consumare con avidità.

Emanuele insegue il tempo presente dal giorno in cui, in prima elementare, non volle saperne di imparare a scrivere la o di oca.
Non capiva perché la maestra Elsa iniziasse le sue lezioni sempre nello stesso modo: “Un giorno questo vi servirà…”. E oggi?
Appena sceso dal letto dei suoi sei anni e mezzo, quel mattino si sentiva pronto a portare a compimento la missione: rompere la monotonia da tempo futuro della maestra Elsa!

(L’articolo completo è disponibile nella versione stampata o PDF di Digressioni n. 4 – clicca qui per info)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - ti aggiorneremo sulle novità della nostra rivista 

logo-digressioni-full

DIGRESSIONI - TRIMESTRALE CARTACEO DI CULTURA

Reg. Tribunale Udine n. 19/16

info@digressioni.com |